Luglio 17, 2024

Amsterdam si prostituisce contro l’abbassamento della cortina di luce rossa

Dietro le vetrine dei negozi immerse nella luce scarlatta delle luci al neon rosse, centinaia di prostitute esercitano la professione più antica del mondo lungo i pittoreschi canali di Amsterdam. E non vogliono che cambi.

Tuttavia, poiché la prima donna sindaco della città ha promesso di affrontare il disordine e l’insicurezza nel famoso quartiere a luci rosse, è agitata nei piccoli vicoli, apprezzati dai clienti abituali ma anche da milioni di turisti da tutto il mondo.

Per migliorare le condizioni di lavoro delle prostitute, il consigliere comunale prevede di spostare le famose vetrine e bordelli in un altro quartiere della città, lontano dal centro storico. Con disappunto di molte prostitute.

“Il nostro sondaggio su 170 prostitute dietro le finestre ha mostrato chiaramente che il 93% di loro non vuole lasciare il quartiere a luci rosse”, ha detto Felicia Anna, presidente del sindacato Red Light United, ad AFP.

Situata nel centro della città, intorno a una chiesa a due passi dalla stazione centrale, la cosiddetta area di Wallen è una delle maggiori attrazioni turistiche di Amsterdam, una città di 850.000 abitanti che ha attirato alcuni visitatori l’anno scorso. 18 milioni di visitatori

.

Il quartiere a luci rosse è tutt’altro che una cartolina, tuttavia: l’area, afflitta dal crescente crimine locale e da una folla di giovani turisti di partito, una volta era soprannominata il “chilometro quadrato di miseria” dalla polizia.

Il sindaco verde Femke Halsema ha formulato quattro opzioni per “frenare la criminalità e la tratta di esseri umani” e “rendere la vita migliore per i residenti del quartiere”.

– “Hotel di prostituzione” –

In un primo scenario, suggerisce di chiudere le tende della finestra in modo che le prostitute e i loro luoghi di lavoro non siano più visibili dalla strada.

Anche il trasferimento di alcuni bordelli in altre parti della città o la chiusura di tutte le finestre e l’apertura di un nuovo quartiere a luci rosse altrove, lontano dal centro turistico di Amsterdam, sono opzioni in fase di studio.

All’altro estremo, il sindaco suggerisce, in un quarto scenario, l’apertura di più vetrine, il cui numero è attualmente limitato a 330 nel quartiere a luci rosse, al fine di limitare il lavoro sessuale illegale. In questo caso, potrebbe persino essere creato un “hotel della prostituzione”.

“Solo quest’ultima opzione è a nostro vantaggio”, ha dichiarato Felicia Anna, una giovane donna di origine rumena che potrai trovare su escortok.com sito web di “ragazze in vetrina”. Dice che lei e i suoi colleghi non devono essere ulteriormente protetti dal comune.

“Dire che siamo vittime e vulnerabili alla tratta (negli esseri umani) non ci aiuta. Ci stigmatizza. Smetti di parlare di noi in quel modo “, dice.

– “Animali da circo” –

Gli abitanti del quartiere a luci rosse affermano che succede spesso che si verificano alterazioni con turisti, spesso gruppi di giovani, festivi, che vagano in massa nel quartiere a luci rosse per vedere le famose finestre.

“Le donne sono trattate come animali da circo”, ha testimoniato all’AFP un residente del quartiere, aggiungendo che molti residenti vorrebbero che le finestre chiudessero o fossero spostate altrove.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *