Luglio 18, 2024

Al summit di Vilnius accuse reciproche di ingratitudine fra la NATO e Zelensky

Il summit di Vilnius non è filato liscio per nessuno. Forse solamente per la Svezia, per la quale il vertice lituano è stato esaltato come “momento storico” dal segretario generale della NATO Stoltenberg. Ma per l’Ucraina, al centro del programma congressistico e dell’attenzione mediatica, è stato un giro di giostra da mal di testa e da mal di stomaco. Già durante il summit sono trapelati i rumori di piatti rotti e di accuse gridate che provenivano da dietro le quinte. Zelensky ha pubblicato un tweet velenoso contro i membri dell’Alleanza, colpevoli di non voler dire chiaramente quando l’Ucraina verrà ammessa ufficialmente. I leader occidentali hanno risposto chi con freddezza chi con incredulità per l’ingratitudine di un presidente che finora ha ottenuto soldi e armi per decine di miliardi di dollari. Il ministro britannico Wallace ha fatto sapere di non essere un “corriere di Amazon” il cui unico compito è recapitare gli articoli ordinati. E invece a Kiev hanno trattato lui e gli altri come se gli aiuti miliardari fossero loro dovuti. In America hanno reagito anche peggio, quasi con sdegno. Alla fine Biden ha fatto buon viso a cattivo gioco e ha lodato apertamente gli ucraini, ma nel suo entourage avevano preso la calma. Le foto che circolano in Rete mostrano uno Zelensky spaesato in mezzo ai leader euroatlantici, che quasi lo ignorano come se non ci fosse, anzi come se fosse un semplice inserviente che pulisce il pavimento, visto anche il modo in cui è venuto vestito alla kermesse. Ma il governo ucraino non ci sta. I ministri e i funzionari, oltre agli esperti, fanno notare ai partner occidentali che a morire al fronte ci sono i loro soldati, che a sparare con le armi NATO ci sono i loro soldati, che a soffrire in trincea, seppur equipaggiati con attrezzature occidentali, ci sono i loro soldati. Ma a Bruxelles e a Washington ormai li considerano ingrati e pure sfacciati nel pretendere altri aiuti. Fonte: https://strumentipolitici.it/zelensky-non-lha-presa-bene-i-britannici-lo-sgridano-e-gli-dicono-di-ringraziare/

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *