Luglio 14, 2024

Un grazie alla comunità marocchina in Lombardia in prima linea per il bene comune e nella lotta al COVID 19

Leila Bkhout, 22 anni, origini marocchine, con la tesi dal titolo “Compassionate care nell’assistenza infermieristica alle persone anziane: la chiave del prendersi cura” è tra coloro che hanno si sono laureate in infermieristica ed hanno accolto l’appello della Regione Lombardia per essere in prima linea negli ospedali lombardi in questa lotta contro il Covid 19 . Una presenza silenziosa, nascosta quella degli operatori sanitari marocchini in Lombardia, una generosità tipica di questo popolo e di questa nazione. Non posso dimenticare che nel 2011 quando la comunità marocchina del lodigiano contribuì alla raccolta fondi per debellare la poliomelite , anche allora il gesto fu spontaneo e senza forzature. Oggi il Marocco e la Lombardia sono più vicine. Vicine nell’combattere un nemico invisibile ma la presenza marocchina negli ospedali, nelle fabbriche che assicurano la produzione di medicinali, nella filiera agroalimentare è una presenza fondamentale. Una presenza che merita però di essere riconosciuta. I grandi mezzi di comunicazione parlano degli aiuti internazionali ma il Marocco e la comunità marocchina della Lombardia non ha mai smesso di essere presente. E’ ora di dare a questa comunità il giusto ruolo che gli spetta. La comunità marocchina è tra le più grandi comunità non europee della Lombardia e merita il giusto riconoscimento. Sul piano morale , rappresenta una componente non indifferente del panorama lombardo. Sul piano religioso, la comunità marocchina potrebbe essere il modello a cui affidare una legislazione regionale in tema di luoghi di culto proprio partendo dal modello voluto da Sua Maestà Mohammed VI . Sul piano etico un esempio di integrazione tra islam e le altre religione monoteiste. Un grazie ai tanti marocchini lombardi e al loro lavoro e auspico che a pandemia finita le relazioni tra la Lombardia e una Regione del Marocco possano aumentare ed intensificarsi fino ad immaginare che la Lombardia, prima tra le Regioni italiane possa aprire nelle provincie e nelle regioni del Sud del Marocco una propria rappresentanza permanente in modo da rllanciare la presenza lombarda nel mondo e in Marocco in particolare

Marco Baratto
Incontri Culturali Franco Italiani

bandiera marocco
marocco

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *