Luglio 19, 2024

Sosteniamo il dialogo ecumenico tra cristiani: affrontiamo la questione della data della Pasqua

Nei prossimi giorni Sua Santità Papa Francesco si recherà in visita a Cipro ed in Grecia, due Nazioni profondamente cristiane e legate alla tradizione ortodossa. L’auspicio è che sia occasione per rafforzare il dialogo ecumenico con i diversi patriarcati in cui si articola la Chiesa Ortodossa.

Al centro del dialogo ecumenica deve essere affrontato il tema della Pasqua. E’ scandaloso che la Solennità che è il fulcro della fede cristiana venga festeggiata a seconda che si appartenga al rito latino o a quello ortodosso.  Le Chiese, anche cattoliche, di rito orientale seguono , al pari di quelle ortodosse il calendario giuliano mentre il rito latino il calendario gregoriano causando un senso di difficoltà per i cristiani.

Se dichiariamo di essere “una cosa sola” seppur nelle diversità delle tradizioni è un dolore vedere come la Resurrezione di Cristo sia solennizzata in modo diverso da cristiani e cristiani. La nostra unità non è questione di potere o di individuare una figura che debba “comandare” secondo i dettami del “mondo” ma di testimoniare che “Cristo è Risorto”.

E come possiamo trovare la forza di questa testimonianza se non siamo neppure concordi sulla data in cui celebrare la sua resurrezione?

Nel 2025 saranno 1700 anni dal Concilio di Nicea e allo stesso tempo un anno in cui i cristiani di rito latino e quelli di rito orientale festeggeranno la Pasqua nella stessa data . Prediamo questo evento e rendiamo uniforme per tutti i cristiani la data della Pasqua. La soluzione potrebbe venire dalle chiese cattoliche di rito orientale o da alcuni patriarcati ortodossi. Ovvero usare il calendario giuliano per la Pasqua in questo modo vi sarebbe uniformità di computo del tempo e non andrebbe a intaccare le diverse tradizioni. Anche per il rito latino sarebbe ritornare (solo per la Pasqua) al computo precedente il calendario gregoriano. Sarebbe per tutti una salvaguardia della Tradizione

Marco Baratto

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *