Luglio 15, 2024

Come utilizzare al meglio le potenzialità delle immagini nei social media.

Fornire contenuti leggeri ai nostri utenti non significa per forza dover adottare uno stile informale; anzi, pochi semplici accorgimenti, un’eccellente post-produzione, una giusta strategia e un messaggio ben studiato sono le basi della buona riuscita di uno stile comunicativo.

La soluzione migliore è avere un proprio archivio visivo aziendale, costruito grazie ad una serie di servizi fotografici, con immagini realizzate e pensate per voi, per il vostro brand, per il vostro pubblico di riferimento. Ricordate che l’investimento nel creare un vostro archivio d’immagini aziendale non è così oneroso e può essere creato attraverso il tempo.

post-produzione fotoUn archivio permette di creare da una parte una forte identità aziendale e dall’altra aiuta a migliorare e rafforzare la posizione del vostro brand sul mercato. Purtroppo spesso le aziende, specie quelle del segmento medio-basso, non colgono o non conoscono questa opportunità, spendendo risorse in comunicazioni realizzate con delle immagini di bassa qualità, per poi interrogarsi sui motivi riguardo lo scarso ritorno dei propri investimenti.

Esistono molte opportunità per far buon business attraverso una realizzazione ad hoc di immagini rivolte ad uso comunicativo e pubblicitario, ma è bene affidarsi a dei professionisti, in questo caso dei professionisti nel campo del web-marketing, della post-produzione fotografica e del fotoritocco. Infatti grazie a personale esperto in post-produzione si possono ottenere delle belle immagini, uniformi, bilanciate e accattivanti. Sarà più semplice, con immagini post-prodotte e cromaticamente corrette, ottenere migliori risultati sia in termini estetici (per esempio nei vostri profili social media), sia in termini di attenzione dell’utente grazie ad una maggiore attrazione.

Molto spesso la parte di post-produzione viene presa poco in considerazione, ma se ci pensate bene è una delle fasi più importanti dove si vanno a enfatizzare le caratteristiche e i dettagli di un prodotto o si possono allinearne i colori con i campioni reali, questo significa maggiore affidabilità e coerenza tra ciò che comunichiamo e il prodotto reale che il nostro potenziale cliente valuta, sceglie e magari acquisterà. Ricordiamoci che quando osserviamo un’immagine, associamo ad essa emozioni positive e/o negative in meno di un secondo. Questo meccanismo funziona per qualsiasi immagine in maniera inconscia e questo sta alla base del nostro processo di acquisto.

 

Ma perché le immagini nei social media devono emozionare?

Chiaramente perché così si riesce a creare quel magnetismo per far sì che l’utente si soffermi qualche momento in più nella nostra pagina o bacheca per osservare foto e/o video e in esse possa chiaramente riconosce il brand o l’azienda che l’ha pubblicata. Riconoscendosi in determinati valori o aspetti sarà più semplice dar vita ad un legame ed un potenziale seguito, ma soprattutto tramite un buon coinvolgimento emotivo l’utente potrà essere più propenso all’acquisto di uno o più prodotti.

Ovviamente le emozioni più coinvolgenti e trainanti restano sempre quelle positive come l’allegria, la spensieratezza, la risata… ecc. Questo è anche dovuto al semplice fatto che i social media vengono utilizzati come un momento di svago, di stacco da problemi e pensieri quotidiani.

 

 

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *