Palau, la senatrice Inabo contro la narrativa del cambiamento climatico

Palau, la senatrice Inabo contro la narrativa del cambiamento climatico

A Palau, Stato dell’Oceania, è in corso un dibattito sull’ambientalismo e sulle effettive priorità del Paese rispetto alla presunta emergenza climatica. Il presidente Surangel Whipps Jr. ha presentato al Parlamento la “Strategia di sicurezza nazionale per la Repubblica di Palau”, che poi è stata discussa dai rappresentanti del popolo. Da una lato la senatrice Uduch Sengebau dichiara che il cambiamento climatico è la minaccia maggiore per la vita dei palauani perché genera tifoni e siccità e soprattutto la crescita del livello delle acque marine (il territorio delle isole di Palau si eleva in altezza di pochi metri rispetto al mare, se non addirittura è a zero in quanto composto da atoli e isole coralline). La senatrice Rukebai Inabo invece vede come priorità assoluta la sicurezza economica e non crede particolarmente nel riscaldamento globale: la sua opinione è che se i paluani avranno i mezzi sufficienti per sostenere un tenore di vita dignitoso, allora potranno salvare anche l’ambiente. Nel frattempo il governo di Palau ha fissato l’obiettivo del raggiungimento del 100% di elettricità generata da fonti rinnovabili entro il 2050. Il piano è stato sviluppato dalla IRENA, l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili su mandato del Ministro delle Infrastrutture, dell’Industria e del Commercio. Recentemente il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock è ha visitato Palau, nella cui capitale Ngerulmud ha incontrato il suo omologo palauano Gustav Aitaro. La Baerbock ha detto che “il mondo è in fiamme”, e se in alcune zone vi è l’incendio brucia senza fiamme, in altre il fuoco potrebbe accendersi fra dieci anni. Secondo lei la questione energetica è anche una questione di sicurezza.

FONTE: https://strumentipolitici.it/palau-discussioni-sulla-crisi-climatica-dopo-la-visita-del-ministro-degli-esteri-tedesco/