Luglio 14, 2024

ONCOnnection “Le reti oncologiche sono fondamentali per la massima efficacia ed efficienza dei percorsi di cura”

22 aprile 2021 – Sono 270 mila le persone colpite dal cancro in Italia ogni anno, di questi,

fortunatamente, una metà vince la battaglia e l’aspettativa di vita in generale si è allungata.

Per affrontare però i problemi che esistono, è imprescindibile sia attivare reti oncologiche

regionali per rendere omogeneo l’accesso alle cure ai pazienti su tutto il territorio nazionale

sia accelerare l’uso della tecnologia, realizzando piattaforme digitali utilizzabili in tempo reale

dagli specialisti. Per fare il punto, Motore Sanità ha organizzato, in collaborazione con Periplo,

un nuovo incontro ‘ONCOnnection LA RETE ONCOLOGICA STRUMENTO DI GOVERNO E DI

PROGRAMMAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE’; un webinar incentrato sul mondo

dell’oncologia e realizzato grazie al contributo incondizionato di Pfizer, Amgen, Boston Scientific,

Nestlé Health Science, Takeda, Kite a Gilead Company, Janssen Pharmaceutical Companies of

Johnson & Johnson e Kyowa Kirin.

 

“Ritengo di estrema importanza l’attivazione delle reti oncologiche regionali per rendere equo l’accesso 

alle cure. Inoltre, esse rappresentano lo strumento per erogare prestazioni in appropriatezza attraverso

percorsi diagnostici-terapeutici efficaci. Si auspica che tutto venga monitorato attraverso piattaforme

digitali intercomunicanti, affinché si possa sempre rilevare, attraverso gli indicatori, l’efficienza del sistema.

Per fare tutto questo è necessario rivedere le risorse umane ed accedere immediatamente all’innovazione

tecnologica”, ha dichiarato Livio Blasi, Presidente CIPOMO

 

“Il modello a rete consente più di altri di garantire prossimità, equità, omogeneità e diritto governato

all’innovazione. La rete come organismo di coordinamento dell’intero sistema oncologico, garantisce

processi di semplificazione e di appropriatezza nella programmazione in questo settore: dagli investimenti

su tecnologie pesanti all’individuazione dei centri di riferimento, dall’equilibrio tra prevenzione ricerca e cura,

all’interlocuzione con il mondo dell’Industria, dalla opportunità di una maggiore integrazione tra ospedale e

territorio, al monitoraggio dell’efficacia e dell’efficienza dei percorsi di cura”, ha detto Gianni Amunni,

Associazione Periplo – Direttore Generale ISPRO, Regione Toscana

 

“Le Reti Oncologiche Regionali rappresentano uno strumento oggi sempre più indispensabile per garantire

da una parte equità nell’accesso dei pazienti a cure appropriate e di qualità, e dall’altro per razionalizzare e

programmare le risorse economiche, tecnologiche e professionali necessarie nell’ambito dei territori.

Il governo realizzato dalla rete può permettere di articolare l’offerta sanitaria in modo da tener conto dei

volumi, delle caratteristiche e delle prestazioni richieste e degli esiti attesi, della logistica, delle

professionalità/tecnologie e delle risorse disponibili, in un ambito di integrazione multidisciplinare e di una

nuova continuità ospedale-territorio. La progettualità e la necessità di interrelazione in rete riguardano tutte 

le fasi della malattia oncologica dalla prevenzione e dai programmi di screening (per i tumori della mammella,

cervice uterina e colon-retto), ai percorsi diagnostico-terapeutici-assistenziali (PDTA), alle cure palliative, alla

riabilitazione fisica e psico-sociale fino alla fase terminale ultima di malattia. La programmazione dell’attività si

rapporta e risponde così a diverse condizioni e “bisogni” quali le molteplicità e le diversità delle singole patologie

oncologiche, le differenze degli interventi assistenziali richiesti, l’impatto della malattia sulle condizioni psico-sociali

del paziente, e oggi sempre di più a quanto richiesto dalla “cronicizzazione” della malattia e dall’incremento dei

pazienti cosiddetti “survivors” e guariti. La Rete Oncologica Regionale diventa quindi lo strumento centrale per il

governo della “complessità” della malattia oncologica”, ha spiegato Carmine Pinto, Direttore della Struttura

Complessa di Oncologia dell’IRCCS Santa Maria Nuova, Reggio Emilia

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *