Luglio 17, 2024

In Italia, i tumori neuroendocrini registrano 4/5 nuovi casi ogni 100.000 persone, ma i pazienti vengono diagnosticati in fase avanzata e ci convivono per molti anni Tumori neuroendocrini: “Teragnostica la nuova arma a difesa dei pazienti”

Puglia, 17 dicembre 2020 – Approccio multidisciplinare, accesso uniforme alle terapie innovative e loro

uso appropriato e personalizzato alle caratteristiche del paziente, per stabilire la necessità per le

strutture ospedaliere e per il servizio sanitario regionale di introdurre la teragnostica nella pratica clinica.

Questo l’obiettivo del webinar “TERAGNOSTICA SFIDE DI OGGI E PROSPETTIVE FUTURE”, organizzato

da MOTORE SANITÀ grazie al contributo incondizionato di Advanced Accelerator Applications, che ha

visto la partecipazione dei massimi esperti del panorama sanitario italiano. Questo approccio permette,

sin dalla fase diagnostica, di migliorare la stadiazione della patologia, selezionare i pazienti non risponder,

definire le terapie successive ed il follow-up. I recenti progressi della ricerca hanno portato all’approvazione

della prima terapia radio recettoriale per la presa in carico dei pazienti affetti da tumori neuroendocrini.

 

“I tumori neuroendocrini costituiscono un gruppo eterogeneo di neoplasie che interessano numerosi organi e

apparati, e fra essi primariamente il tratto gastroenteropancreatico e quello broncopolmonare. Un tempo

considerati rari, i tumori neuroendocrini costituiscono oggi la seconda neoplasia del tratto digerente in termini di

prevalenza. Il panorama terapeutico di questi tumori si è notevolmente ampliato nell’arco delle ultime due decadi,

con il riconoscimento dell’attività antitumorale e anti secretoria degli analoghi della somatostatina, la dimostrazione

dell’efficacia degli agenti biologici everolimus e sunitinib, la conferma dell’attività della chemioterapia in precisi

subsets di malattia. Recenti evidenze di ricerca clinica hanno inoltre dimostrato come la terapia con analoghi

“caldi” della somatostatina, ovvero analoghi radio marcati con il radionuclide Lutezio 177, fornisca risultati

senza precedenti nel trattamento di pazienti affetti da tumori neuroendocrini del tratto gastroenteropancreatico,

determinando un significativo beneficio in termini di sopravvivenza. La disponibilità di metodiche di imaging in

grado di caratterizzare l’espressione dei recettori della somatostatina (ovvero il bersaglio di questi analoghi

radio marcati) sulla superficie delle cellule tumorali consente inoltre la preselezione dei pazienti da arruolare a

questa forma di trattamento, in un’ottica di medicina di precisione. Uno degli elementi chiave per il successo

di questa forma di terapia è chiaramente rappresentato dalla sinergia fra specialisti con competenze diverse, e un

network multidisciplinare è attualmente in fase avanzata di implementazione nell’ambito del territorio regionale

pugliese”, ha spiegato Mauro Cives, Ricercatore Dipartimento Scienze Biomediche ed Oncologia Umana,

Università degli Studi di Bari

 

“Il termine TERAGNOSTICA è stato coniato in medicina nucleare molti anni fa; infatti, quando questo termine

ancora non esisteva, la prima sostanza utilizzata (e lo è ancora oggi) per la diagnosi e la cura del tumore della

tiroide è stato l’isotopo 131 dello iodio (Terapia radio metabolica del carcinoma tiroideo differenziato). Questa

rinnovata disciplina, la TERAGNOSTICA, include in realtà numerose altre sostanze che sia da sole sia in coppie

possono essere utilizzate per questo scopo (molecole marcate con isotopi gamma o positrone emittenti per la

diagnostica possono essere marcate anche con isotopi alfa o beta- per la terapia). Queste sostanze (radiofarmaci)

si legano su recettori presenti nel bersaglio da trattare o sostanze, come lo iodio, che sono internalizzate dal

bersaglio tramite processi metabolici. Pertanto, mediante questi meccanismi è possibile sia localizzare con

precisione i tessuti patologici (mediante l’imaging diagnostico) sia distruggerli con dosi elevate e mirate di

radiazioni”, ha detto Giammarco Surico, Coordinatore Rete Oncologica ROP Regione Puglia

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *