Il cinema dalla parte degli ultimi: la funzione etica della settima arte

Il cinema dalla parte degli ultimi: la funzione etica della settima arte

Lo scorso 16 giugno è uscito per i tipi di Porto Seguro Editore, il volume di Sergio Battista, Il cinema dalla parte degli ultimi. 

Il volume, servendosi di un linguaggio adatto a tutti, intende indagare il rapporto tra classi dominanti e classi subordinate nel corso degli anni. Il periodo storico analizzato dall’autore parte dai primordi della settima arte, passando per l’epopea del cinema muto fino ad arrivare al Neorealismo, e continuando il percorso che da Rossellini conduce a Paolo Benvenuti, Ken Loach e ancora oltre ai fratelli Dardenne per giungere a Pasquale Scimeca e Andrea Segre. Durante questo excursus storico l’autore si interroga se questo tipo di cinema abbia ancora una funzione critica e interattiva con la società di riferimento e soprattutto se è capace ancora di comunicare in maniera proficua con una sempre più sfuggente contemporaneità erede della post-modernità. 

Il volume è in vendita sulle maggiori piattaforme online e in tutte le librerie.