Dado vegetale fatto in casa

Negli ultimi anni l’attenzione verso uno stile di vita sano è cresciuta esponenzialmente, coinvolgendo vari aspetti quali la necessità di praticare regolarmente attività fisica e adottare un’alimentazione genuina. Da questo punto di vista le principali raccomandazioni sono quelle di fare attenzione al consumo di grassi animali, ridurre il contenuto di sale e prediligere alimenti naturali, in primis frutta e verdura. Ciò perché nei prodotti industriali è spesso presente un alto quantitativo di sale, di zuccheri raffinati e di conservanti e coloranti, che spesso si consumano con poca consapevolezza. Purtroppo negli ultimi anni bisogna stare molto attenti a ciò che si mangia, cibi inquinati per via del problema dello smaltimento rifiuti Roma come anche in Campania, oppure nuove ricerche che evidenziano problematiche come la recente vicenda delle carni rosse.
Cosa sai sul dado industriale ?
Un eccipiente che, da questo punto di vista, è sul banco degli imputati è certamente il dado industriale. Il dado, sicuramente comodo in cucina perché esonera dalla preparazione di brodi, in realtà è ricco di sostanze non propriamente naturali o salubri, quali il glutammato e un’eccessiva quantità di grassi. Pertanto molti consigliano di preparare in casa il dado vegetale, essendo peraltro un procedimento facile e in cui possiamo controllare la genuinità degli ingredienti e soprattutto il quantitativo di sale. E’ possibile trovare varie ricette, non essendoci una regola inderogabile in merito a quali verdure utilizzare e con quali proporzioni: ognuno può prediligere il mix che vuole a seconda dei propri gusti.
Come realizzarlo
Generalmente gli ingredienti che non mancano mai sono: carota, sedano, cipolla, aglio, prezzemolo, basilico, zucchine, pomodori, olio e sale e in alcune varianti troviamo anche la zucca. La preparazione è molto semplice e consiste nel tagliare a dadini tutte le verdure, coprirle con il sale (tra i 100 e i 200 grammi, a seconda della quantità di verdura che si utilizza) e metterle a cuocere tutte insieme per circa 40/50 minuti o comunque finchè tutto il composto non risulta denso e quasi ridotto ad una poltiglia. A questo punto si procederà a frullare il tutto e, a seconda delle preferenze, a porre il composto raffreddato nelle vaschette per il ghiaccio (in modo da conservare il composto in congelatore) oppure in vasetti precedentemente sterilizzati. Si potrà utilizzare un cucchiaino di questo dado fatto in casa per le preparazioni di minestre, zuppe, risotti ma anche per insaporire secondi piatti. Buon appetito!