CARDIOLOGIA ROMA VISTE ED ESAMI IN MAX 48-72 ORE GRUPPO SANEM

CARDIOLOGIA ROMA presso gli ambulatori del GRUPPO SANEM si eseguono visite ed esami  in tempi rapidi (massimo 48-72 ore).
Gli ambulatori di CARDIOLOGIA ROMA del GRUPPO SANEM eseguono visite ed esami per la prevenzione delle malattie cardiovascolari:
Visita cardiologica
Elettrocardiogramma basale
Ecocardiogramma mono-bidimensionale Color Doppler
Elettrocardiogramma dinamico secondo Holter
Monitoraggio della pressione arteriosa (“Holter pressorio”)
Specialisti di provata esperienza eseguono consulenze su tutte le patologie cardiologiche (dalla cardiopatia ischemica alla insufficienza cardiaca, alla valvulopatia, alla cardiopatia delle donne, alla ipertensione arteriosa, alla valutazione pre-operatoria, ecc.).
Perché è importante fare prevenzione CARDIOLOGIA ROMA?
Le malattie cardiovascolari quali l’infarto o l’ictus cerebrale rappresentano la prima causa di morte in Italia.
Oggi la diagnostica CARDIOLOGIA ROMA e le terapie di cui disponiamo mettono il cardiologo nella condizione di poter ridurre sempre più il numero di decessi per patologie cardiovascolari.
E’ importante quindi a tutte le età effettuare prevenzione attraverso una approfondita visita cardiologica e gli esami specialistici diagnostici.
Per  soddisfare questa importante e vitale esigenza di prevenzione cardiologica GRUPPO SANEM viene incontro alle esigenze dei pazienti che intendono prevenire le patologie cardiache attraverso dei progetti di prevenzione.
Progetto Base prevede :
Analisi cliniche
Visita cardiologica
ECG
Progetto Top prevede:
Analisi cliniche
Visita cardiologica
ECG
Ecocardiocolordoppler
Qualora il nostro specialista cardiologo durante il progetto di prevenzione ritenga necessaria l’esecuzione di ulteriori esami di approfondimento (laboratorio analisi, tac coronarica ecc.), verranno applicate tariffe agevolate.
Elettrocardiogramma(ECG)
identifica la presenza di disturbi del ritmo cardiaco o della propagazione dell’impulso elettrico (alterazioni della conduzione) e di alterazioni miocardiche conseguenti a sofferenza ischemica (coronaropatie).
Ecocardiogramma
Fornisce immagini dalle quali si possono trarre utilissime indicazioni sull’anatomia, sul funzionamento e sullo stato di salute del cuore.
Consente di esaminare la morfologia delle strutture cardiache (pareti, valvole, cavità)  e di studiare il funzionamento del cuore in movimento. Le indicazioni si stanno estendendo notevolmente poiché fornisce informazioni preziose sia sulle strutture che sulle funzioni del cuore.
Gran parte delle patologie cardiache trovano indicazione all’ecocardiografia, in particolar modo le malattie valvolari e parietali del cuore, la cardiopatia ischemica.
Holter pressorio
l monitoraggio pressorio delle 24 ore (Holter Pressorio o ABPM) è un test non invasivo che consente di registrare la pressione arteriosa continuativamente per 24 ore, mediante un piccolo apparecchio (grande più o meno come un “Walkman”) fissato in vita con una cintura.
Il monitoraggio pressorio è molto utile in diverse situazioni:
– nei pazienti che hanno una ipertensione arteriosa instabile (in cui cioè i valori della pressione arteriosa variano molto da un momento all’altro).
-nei pazienti facilmente emozionabili, che di fronte al “camice bianco” del medico hanno sbalzi pressori, ma che a casa hanno una pressione normale.
– nei pazienti ipertesi in terapia farmacologica, per controllare che il farmaco agisca in ogni momento della giornata, e non solo per alcune ore (la pressione alta infatti, danneggia le arterie anche se rimane alta solo per alcune ore della giornata) .
– nei pazienti che, pur avendo la pressione arteriosa normale, durante il giorno accusano sintomi che possono far pensare ad improvvisi aumenti o diminuzioni della pressione (vertigini, sbandamenti, vampate, sudore freddo, senso di svenimento, “testa vuota”, sanguinamento dal naso ecc.)
-nei pazienti ipertesi che prendono medicine per abbassare la pressione ed accusano saltuariamente dei disturbi, per capire se i disturbi sono legati ad un eccessiva diminuzione della pressione (ed in questo caso bisogna ridurre il dosaggio della terapia) oppure ad altre cause.
www.grupposanem.eu