Anche l’Italia e l’Europa organizzi un National Day of Prayer.

In una società che da un lato sembra rinnegare il sacro e dall’altro evidenziare gli eventi che dividono i credenti piuttosto degli elementi che uniscono le fedi , sarebbe opportuno che venisse indetta una giornata europea della preghiera , della meditazione e della tolleranza religiosa , sul modello statunitense del National Day of Prayer.

La data potrebbe essere il 13 gennaio di ogni anno in ricordo del Editto di Turda del 1568 quando la Dieta di Transilvania affrontò la questione religiosa che agitava l’Europa intera affermando , per la prima volta nell’epoca moderna, la piena libertà a tutte le confessioni religiose oltre alla libertà di coscienza alle persone.

Oppure in alternativa potrebbe essere scelta la data del 3 Ottobre , che ricorda la pubblicazione dell’Enciclica ” Fratelli tutti”

Non possiamo delegare tutta la vita ad una equazione matematica , la vita è una esperienza sapienziale, di ricerca spirituale. Sarebbe bene che l’Italia e l’Europa riscopra la dimensione spirituale oltre a quella dello scientismo, materialista e consumista. Serve una rinascita spirituale e per questo una giornata che veda coinvolte tutte le confessione religione , gli orientamenti filosofici può essere utile al risveglio spirituale dell’Italia e dell’Europa

 

Marco Baratto