Luglio 12, 2024

AIAV incontra il Ministro Garavaglia: soldi per la salvezza, misure per la ripartenza

Non solo richieste ma anche tante proposte nell’incontro che si è svolto tra AIAV – Associazione Italiana Agenti di Viaggio – in rappresentanza di oltre 1.800 agenzie sul territorio nazionale e il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia nel pomeriggio di giovedì 8 aprile, giorno del suo compleanno!

L’incontro

L’incontro è partito da una premessa legata al ruolo, spesso frainteso e sottostimato, delle agenzie di viaggio nel contesto dell’industria turistica italiana: secondo i dati AIAV, le agenzie distribuiscono il 68% dei biglietti relativi al trasporto aereo, marittimo e ferroviario, intermediano la quasi totalità del prodotto di tour operator e compagnie crocieristiche e, aspetto generalmente trascurato, sono gli artefici delle proposte “incoming” che rappresentano la linfa vitale del turismo straniero verso l’Italia.

All’ordine del giorno, il punto sulle misure che garantiranno l’erogazione immediata dei fondi già stanziati e una più equa ripartizione dei prossimi contributi a sostegno del comparto, seguito da un costruttivo confronto sulle misure da intraprendere per la ripartenza del settore.

Le parole di Fulvio Avataneo, Presidente AIAV

“Siamo molto soddisfatti del rapporto di collaborazione fattiva instaurato con il Ministro – dichiara Fulvio Avataneo, Presidente AIAV – che ha particolarmente apprezzato alcune nostre proposte. Si tratta della concessione di un bonus per permettere alle agenzie di viaggio di rimodernare le sedi operative, migliorando l’accessibilità e l’efficientamento energetico, e della gestione del “Bonus Cultura” da parte delle agenzie per l’organizzazione di circuiti culturali in Italia destinati ai giovani. Abbiamo suggerito al Ministro di sfruttare meglio e di più le Associazioni di Categoria, per elaborare provvedimenti totalmente aderenti alle logiche del settore”.

I temi affrontati

Sono stati affrontati tutti i temi scottanti, a cominciare dal rimborso dei voucher: il Ministro ha annunciato l’intenzione di prorogarne la validità, aprendo anche alla proposta di AIAV, che suggerisce di attingere al fondo istituito dal Governo, finanziato con 5 milioni di euro per il 2020 e per un ulteriore milione nel 2021, almeno per quei viaggiatori le cui agenzie hanno pagato i fornitori senza ricevere a loro volta rimborsi in seguito alla cancellazione del viaggio. Al contrario, le agenzie che hanno ricevuto il rimborso dai fornitori o non li hanno pagati, ma non sono comunque in grado di rimborsare i clienti perché hanno impiegato il denaro incassato per mantenere in vita l’agenzia stessa, potrebbero accedere a specifici finanziamenti a tasso agevolato e di media durata.

Sul fronte ristori, Garavaglia ha riconfermato lo sblocco dei primi 85 milioni di euro sui 228 già stanziati, con l’impegno ad erogare le risorse nel minor tempo possibile, e ha annunciato un emendamento per rendere spendibile in agenzia il bonus vacanze, per un totale di 1.870 miliardi di euro già stanziati e non ancora utilizzati. Parallelamente, tra fine aprile e maggio sono previste ulteriori misure a sostegno della categoria con agevolazioni fiscali, moratorie e nuovi contributi.

Le altre richieste

“Il Ministro Garavaglia ha confermato – prosegue Avataneo – l’intenzione di rivedere i criteri di calcolo dei contributi. Ci ha rassicurato sull’adozione di una serie di provvedimenti che permetteranno di ridare ossigeno alle imprese del settore e sul suo impegno nella pianificazione delle riaperture. Abbiamo chiesto molto al Ministro, perché la crisi di liquidità e lo stato di necessità delle agenzie di viaggio obbligano il Governo ad un impegno straordinario, concentrandoci anche sulla progettualità e sulle strategie future. Questa crisi può essere l’occasione di ricostruire ed innovare un settore che già era in difficoltà prima del Covid, riportandolo al suo meritato splendore”.

In questo senso, AIAV ha affrontato il tema dell’armonizzazione delle leggi regionali, con particolare riferimento alla lotta all’abusivismo; si è discusso anche del delicato rapporto con i vettori, con la richiesta di un intervento immediato nei confronti dell’ENAC per garantire il pagamento dei voucher e l’istituzione di un tavolo di confronto interministeriale per riequilibrare la posizione di dominanza rispetto alle agenzie. Infine, una ricognizione sulla concorrenza sleale delle OTA e una riflessione sul Green Pass che, secondo il Ministro, richiede una decisione a livello europeo (con alcuni Paesi ancora in disaccordo sulla sua immediata attivazione) e per l’Italia potrebbe essere un utile strumento non solo per i viaggi, ma anche per contesti diversi, come le fiere e i parchi divertimento.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *