Giugno 16, 2024

Una start…APP made in Italy contro il cyberbullismo sbarca su Kickstarter

una app per smartphone
una app per smartphone

Due ragazzi brianzoli, una app “made in Italy”, un progetto innovativo legato alla comunicazione. Con un impegno etico e sociale. E una avventura, affascinante, nel crowdfunding. Dalla Lombardia al mondo, attraverso la più nota piattaforma di “raccolta fondi”, Kickstarter. Il via? Oggi, lunedi 1 febbraio.

Si chiamano Filippo Giove e Sonia Pivetta e – con la loro “What 2 Share”, una tastiera per smartphone unica nel suo genere, che fa già impazzire teenager e giovani di ogni Continente – sono pronti a conquistare il mondo. Convinti che se comunicare, per i ragazzi di oggi, è un po’ come respirare, è meglio farlo in maniera veloce, pratica, divertente, coinvolgente. E sprigionando la propria creatività.

Ma – sempre – in maniera consapevole, intelligente. “Perchè gli adolescenti di oggi sono sempre attaccati allo smartphone e non riescono a farne a meno – raccontano i due giovani, che intendono avviare una startup – ma devono sapere che l’eccesso, in qualsiasi campo, è negativo. Ci sono rischi da non sottovalutare”. Ecco perchè da un lato hanno sviluppato una App che rende la comunicazione via smartphone una esperienza unica, dall’altro, negli incontri fatti nelle scuole e con vari gruppi di possibili utenti, continuano a battere il tasto di un uso consapevole, prevenendo tristi fenomeni come il famigerato cyberbullismo. “In questo senso abbiamo creato delle gif e delle immagini di sensibilizzazione, che si trovano su W2S”, spiegano i ragazzi, reduci dalla presentazione a oltre 400 studenti delle superiori della Brianza. “E abbiamo chiesto loro di creare altri contenuti sul tema, che installeremo nell’App, in modo che siano i giovani stessi a inondare il web di messaggi positivi”.

Secondo l’ultimo rapporto Istat, tra i ragazzi utilizzatori di cellulare e/o Internet, il 5,9% denuncia di avere subìto ripetutamente azioni vessatorie tramite sms, e-mail, chat o sui social network. Le ragazze sono più di frequente vittime di Cyberbullismo (7,1% contro il 4,6% dei ragazzi).

Un progetto, il loro, che non ha eguali. Perchè W2S è una applicazione che trasforma la propria tastiera in un vero e proprio epicentro di servizi e prodotti per la comunicazione e la condivisione sui social network. Si hanno a portata di mano “emoticons” (faccine e simboli vari), fumetti, immagini, suoni e molto altro mentre si chatta o si postano contenuti su whatsapp, facebook, twitter, instagram.

Tra l’altro – raccontano Filippo, ingegnere informatico di 27 anni di Seveso, e Sonia, avvocato di 26 anni che vive a Desio – non solo ci sono quelli preinstallati, ma si possono creare i propri, dando sfogo alla propria fantasia e creatività, per colpire, emozionare i propri amici ed utenti”. Quindi un pacchetto completo, sulla schermata del proprio cellulare: “La nostra peculiarità e unicità è proprio questa – sostengono i due ragazzi – che ci sono tante app specializzate in questo genere di cose, ma nessuna che li comprenda tutti e permetta di personalizzarli tutti”. Con altre chicche come gli effetti sonori inseriti nelle foto o i collage di vari “screenshot” (cioè le foto istantanee delle schermate).

Al momento What 2 Share è stata scaricata da circa 18 mila utenti, anche da Stati Uniti, Paesi Bassi, Turchia, Inghilterra, Francia, Malesia, Thailandia.

La campagna su Kickstarter durerà 30 giorni. L’obiettivo base è la raccolta di 20mila euro, necessari per realizzare la versione per Android, visto che al momento è solo per iOS. Coloro che vogliono supportare il progetto possono stanziare quote da 1 a 1.000 euro. Ricevendo in cambio delle “ricompense” molto interessanti.

Assicuratevi questa fantastica App e aiutateci a realizzare il nostro sogno!”, è l’appello dei due giovani. Tra coloro che hanno scelto di sostenere il progetto anche Mitch, uno dei dj più famosi d’Italia, idolo dei giovanissimi.

http://www.w2s-keyboard.com/

Related Post