Un messaggio aniconico al rosso per la fratellanza universale

Un messaggio aniconico al rosso per la fratellanza universale
  • Michael’s gate l’opera al rosso.
    Non risulta semplice poter documentare tutta la bellezza, lo splendore e la magnificenza visiva che
    si evince da una attenta e meticolosa analisi del prodigio pittorico Michael’s Gate del Dott.
    Gilberto Di Benedetto in arte Hypnos.
    Un quadro dunque profondamente rivelatore delle umane traversie, un documento iconico che nella
    sua completezza di Assoluto ed Infinito appertiene di certo piu al mito che al destino degli uomini.
    E’ possibile altresi scrutare il silenzioso ed atavico volto del ″Divino Architetto″ da cui hanno
    origine archetipicamente tutti i principi morfogenici delle matematiche e geometriche formule
    costitutive di ogni materiale ed immateriale creazione.
    Un significato preciso e puntuale come il Sacro Sigillo del Compasso Universale usato per
    timbrare gli spazi logici ma ancora non definiti e per nulla scontati dell’Opera.
    Una esplosione catarchica che richiama tutti gli esseri viventi ad una sentita coesione nei confronti
    della Fratellanza di Luce mediante un miglioramento conoscitivo e coscienzioso della realtà che ci
    circonda.
    Precisamente al di là di ogni plausibile significato quello che si irradia dal Rosso Sangue di Vita,
    dall’Arancio dell’abbondanza, dall’Oro del Potere e dal Nero inesplorato dell’Universo ancora da
    forgiare, è un nuovo palcoscenico esistenziale dato da una Luce amica che inebria di passione e
    fuoco ogni anfratto perimetrale della Venerata Tela.
    Un documento artistico, primo al mondo, siglato da una firma genomica unica, che non si concede
    nella sua interezza sfolgorante facilmente ai distratti ma che illumina, attraverso una silenziosa
    alchimia di colori, di Grandezza e Forza ogni umano equilibrio di volontà.
    Verrà altresì sapientemente accompagnato da una miriade stabilita di copie della stessa matrice
    rappresentativa che daranno valore aggiunto ad un capolavoro dell’ingegno umano tipico delle più
    elevate e rinomate Gallerie Museali del Mondo.
    Le ragioni di tutto questo tripudio di saggezza compositiva sono tante ma alcune prevalgono, come
    sempre accade, sulle altre: Guardando attentamente il Dipinto i due emisferi celebrali umani, il
    destro ed il sinistro, quello razionale e quello emotivo, sembrano colloquiare armonicamente tra
    loro come uniti da un invesibile ponte di congiunzione.
    Il positivo trauma emozionale che ne scaturisce produce propulsione energetica che permette di
    poter spaziare in un viaggio interiore di carattere profondamente esplorativo e rendentivo.
    Finalmente gli esseri viventi vengono a contatto con la loro vera Natura Divina e dunque
    sorprendentemente Mistica attraverso l’ausilio di un formidabile catalizzatore metafisico.
    Ogni possibile condizionamento sociale e personale si annullano per lasciare il posto ad una
    condivisione collettiva del Pensiero Unificante per tutta l’umanità che produce, secondo schemi e
    tempistiche differenti per ognuno, significativi cambiamenti e rinnovati misteri creativi.
    Una Immagine Aniconica che proietta nuovi ed incisivi orizzonti di senso visivi in cui è possibile
    ritrovarsi per muovere formidabili attraversamenti emotivi da cui uscirne tutti migliorati e
    profondamente accresciuti.
    Dott. Mag. Maestro Giuseppe Grieco
    EditorDreams