Aprile 15, 2024

Stefano Venier: Piano 2023-2027 e Strategia di Sostenibilità, la vision di Snam

Stefano Venier

La nuova Strategia di Sostenibilità di Snam adotta un approccio all-round, completamente integrato nelle operazioni del Gruppo e nella strategia aziendale: il valore nelle parole dell’AD Stefano Venier.

Stefano Venier

Stefano Venier: Snam, il Framework della Strategia di Sostenibilità

La Strategia di Sostenibilità di Snam, che Stefano Venier guida da aprile 2022, nasce da un’analisi multidimensionale di tutti i temi ESG materiali per il Gruppo. Sviluppata anche attraverso il coinvolgimento di numerosi stakeholder interni ed esterni affinché si allinei e si integri totalmente al piano industriale, si concentra sia su temi consolidati e imprescindibili nell’ambito ESG, come la lotta ai cambiamenti climatici, sia su altri elementi cruciali della sostenibilità. Tra questi anche la tutela della biodiversità che riveste “un ruolo cardine nello sviluppo dei nostri business”, come ha ricordato recentemente anche l’AD Stefano Venier in occasione della presentazione del nuovo Piano Strategico 2023-2027. I temi legati alle risorse umane, al coinvolgimento della catena del valore e delle comunità locali, costantemente al centro della Strategia di Sostenibilità di Snam, sono valorizzati attraverso un approccio basato sulla Just Transition. Pilastro altrettanto fondamentale è l’innovazione a cui il Gruppo riconosce il ruolo di “vero abilitatore dell’intera Strategia e quindi imprescindibile per lo sviluppo di un piano ambizioso”.

Stefano Venier: Snam accelera per la sostenibilità, impegno focalizzato su sette direttrici

L’AD Stefano Venier, anche lo scorso 25 gennaio in occasione del Capital Markets Day di Snam, ha posto l’attenzione sul valore che sostenibilità e innovazione rivestono per il Gruppo in quanto leve abilitanti del nuovo Piano Strategico 2023-2027. La nuova Strategia di Sostenibilità di Snam adotta un approccio all-round, completamente integrato nelle operazioni del Gruppo e nella strategia aziendale, che prevede un impegno focalizzato su sette direttrici (pillars): sviluppo di un’infrastruttura multi-molecola, transizione green, neutralità carbonica, biodiversità e rigenerazione, persone, comunità locali, Transformative Innovation. Per ciascun pilastro sono stati definiti i KPI chiave e altrettanti obiettivi intermedi da raggiungere entro il 2024 e il 2027. In particolare, in relazione alla neutralità carbonica, Snam ha incluso nella Strategy 2023-2027 “ambiziosi target di riduzione delle emissioni di gas climalteranti e un nuovo piano d’azione per raggiungere la Carbon Neutrality entro il 2040, sulle emissioni Scope 1 e 2, e il raggiungimento del Net Zero su tutte le emissioni (incluse le Scope 3) entro il 2050” nonché un nuovo target sulla biodiversità, con impatto da neutrale (2024) a positivo dal 2027. Snam, come annunciato recentemente, è la prima società al mondo su cui Moody’s ha pubblicato il Net Zero Assessment, una valutazione indipendente sugli obiettivi e sulla capacità di implementazione dei programmi di decarbonizzazione delle aziende. L’analisi, ha commentato l’AD Stefano Venier, conferma “la coerenza dei nostri target con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi e con una proiezione dell’aumento delle temperature globali che si colloca tra 1,5 e 2 gradi centigradi”.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *