Sicurezza e formazione sul lavoro, come gestirle al meglio

Sicurezza e formazione sul lavoro, come gestirle al meglio

La formazione della sicurezza sul lavoro per un’azienda è una forma di investimento che permette di ridurre o cancellare i costi relativi alla sicurezza lavorativa.

Una delle tante motivazioni che procurano danni alle aziende è dovuta alla scarsa o alla mancata preparazione dei lavoratori, che a causa di questo non sono in grado di evitare preventivamente incidenti o infortuni sul proprio posto di lavoro. Questa condizione porta spesso a gravare sul bilancio aziendale.

È possibile evitare ciò, mettendo in atto l’obbligo di percorsi formativi per la sicurezza sul lavoro, in base Art.37, 2 comma, del decreto legislativo 9 Aprile 2008, n.81, divisi in due moduli:

  • Formazione Generale, che è uguale per tutti i settori lavorativi
  • Formazione Specifica, ovvero riguardante il settore specifico del lavoro da svolgere

La durata del corso di formazione generale è di 4 ore, riguardano tematiche generali sulla prevenzione e la sicurezza sul lavoro, mentre quello di formazione specifica dura dalle 4 alle 8 ore e dipende dal livello di rischio del settore lavorativo.

La formazione e i corsi avvengono durante l’orario lavorativo secondo il D.Lgs.n.81/2008, secondo cui, il datore di lavoro è anche obbligato a formare e addestrare a sufficienza i propri dipendenti, per evitare rischi e sanzioni amministrative e penali.

Secondo la normativa vigente il datore di lavoro deve predisporre tutte le misure necessarie per proteggere la salute e la sicurezza dei propri lavoratori, infatti, ha l’obbligo di fornire:

  • Formazione
  • Informazione
  • Addestramento

Tutto questo per garantire e far sì che vengano apprese le regole e le metodologie che fanno parte del sistema prevenzionistico.

Per formazione si intende l’insegnamento ai lavoratori di procedure e nozioni necessarie ad acquisire le giuste capacità lavorative in totale sicurezza, riducendo i rischi di incidenti.

L’informazione serve ai lavoratori, per riconoscere, ridimensionare e controllare, i rischi presenti sul lavoro.

L’addestramento serve ai lavoratori per esercitarsi in maniera pratica sull’uso corretto delle varie attrezzature, dei macchinari, dei dispositivi e tutte le strumentazioni che servono per le fasi di lavoro o per interventi resi necessari dalle situazioni di rischio.

Proprio per questo, il Decreto stabilisce quali sono le figure che devono svolgere il ruolo di formatori e che tipo di formazione devono svolgere nei confronti dei lavoratori, ovvero:

  • Dirigenti
  • Medico Competente
  • Servizio di Protezione e Prevenzione

La legge prevede in fatti che il datore di lavoro, provveda, affinchè ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione, come previsto dal D.Lgs. 81/2008 art.36, inoltre, è obbligato ad adoperare tutti gli strumenti necessari per tutelare la sicurezza dei lavoratori attraverso:

  • Scambio di informazioni con il Medico Competente e con i Servizi di Protezione e Prevenzione, riguardanti i rischi presenti nell’ambiente lavorativo e che riguardano il lavoro svolto dai dipendenti
  • Informazioni ai lavoratori, che riguardano possibili esposizioni a pericoli gravi e di come muoversi in caso di emergenza.

Per questo la formazione e sicurezza sul lavoro Napoli, è importantissima, fa sì che il datore di lavoro formi il proprio personale e lo metta in condizione di lavorare in meglio senza correre rischi.