L’esperienza cinese dell’Internet Hospital di Pechino Best practice a Motore Sanità

4 Dicembre 2020 – Durante la Presentazione di Academy Tech di Motore Sanità TechWang Tianbing,

Vicedirettore dell’Ospedale Popolare dell’Università di Pechino, DG dell’Ospedale del Distretto di Tongzhou

e Vicedirettore del Centro di Ricerca del Ministero dell’Istruzione per il Sistema Ospedaliero Digitale ha

condiviso l’esperienza cinese nella costruzione di un Internet Hospital con l’Italia. Tanti i temi trattati, dalle

misure e le norme necessarie per il rispetto della sicurezza della rete e del paziente, al funzionamento vero e

proprio di un Ospedale Digitale, dalla Consultazione online al follow up, dalla consegna a domicilio dei

medicinali alla valutazione finale della prestazione da parte del paziente. Nella sessione di domande e risposte,

il Prof. Wang ha specificato i problemi riscontrati durante la costruzione dell’Internet Hospital di Pechino, come

la necessità di un riconoscimento del medico e di un confronto faccia a faccia da parte del paziente, lo scetticismo

nell’accettare una nuova modalità di consulto medico da parte della popolazione, la mancanza iniziale di

apparecchiature tecnologiche valide e di leggi che possano stabilire le responsabilità e le modalità di pagamento

delle prestazioni. Al problema dell’accettazione, dice Wang, abbiamo risposto da una parte cercando di coinvolgere

in primis solo alcuni reparti e di procedere per fasi (inizialmente solo consultazione, poi trattamenti) e dall’altra parte

cercando di far accettare il nuovo sistema alla fascia della popolazione con un alto livello di formazione, con una

conoscenza già solida delle nuove tecnologie. Per il problema della tecnologia e delle leggi, continua, siamo molto

migliorati, perché la Cina ha fatto grandi passi in avanti in poco tempo, anche se tali problemi non sono ad oggi

completamente risolti. Infine, conclude, lo sviluppo dell’Internet Hospital ha conosciuto una rapida crescita a partire

dallo scorso anno, con l’inizio della pandemia da Coronavirus, quando la popolazione ha iniziato a capire che si aveva

bisogno di un nuovo sistema di diagnosi e trattamento che evitasse il più possibile l’ingresso in ospedale.

Partner dell’iniziativa, trasmessa sulla pagina Facebook di Motore Sanità e sul sito www.motoresanita.it, sono stati

AlmavivA, CINECA, Engineering ed OPT S.r.l. – Consulenza di direzione.