Giugno 16, 2024

La dieta per studenti: come tenersi in forma nei momenti di stress psicofisico


A prescindere da quanto si possa essere preparati, di tanto in tanto anche al miglior studente può capitare di dover trascorrere più di qualche notte su appunti e libri. Come prepararsi a sostenere il nostro fisico e la mente provata in queste circostanze? Purtroppo la maggior parte degli studenti tende a sottoporsi a diete particolarmente restrittive o, viceversa, troppo abbondanti, mettendo a repentaglio sia la salute che la possibilità di assimilare con successo ciò che stanno studiando: ecco, quindi, la dieta per studenti, in grado di guidarci passo passo alla ricerca dei migliori risultati.
Alla base della dieta per studenti c’è la presenza degli alimenti considerati eccitanti del sistema nervoso quali thè o caffè, preferibilmente sostituibili da succhi di frutta, acqua minerale ed integratori energetici salini, in grado quindi di non influire negativamente né sul sonno, né sull’apprendimento causando stati di eccitazione ed ansia indesiderati che potrebbero compromettere il risultato finale. Allo stesso modo, in una buona dieta, come vi suggeriamo in altre proposte riportate su perderepesofacile.it, è necessario dare un taglio drastico agli eccessi di sodio, che sul lungo termine potrebbero avere effetti simili a quelli dei principali alimenti eccitanti.
Evitare condimenti e spezie, prediligendo verdure capaci di dare tono al nostro sistema nervoso, così come pesce e carne bianca permettono di restituire una forma mentis accettabile per sopportare impegni gravosi da questo punto di vista. Aggiungere qualche tipologia di formaggio magro e fresco, quale il parmigiano, come contorno alle nostre portate principali, che non dovrebbero mai abbondare più del dovuto, permette di aumentare la concentrazione di amminoacidi utili al sostenimento di sforzi prolungati, avendo inoltre l’effetto benefico di sedare lo stress grazie alle quantità di calcio in esso contenute.
Gratifichiamoci infine con qualche barretta energetica, in quanto un semplice strappo alla regola costituito dall’apporto di carboidrati non potrà che offrirci il quantitativo di energia necessaria per proseguire con successo i nostri studi, imparando prima e più del previsto grazie alla dieta dello studente.

Related Post