Luglio 13, 2024

La barriera corallina secondo Via Borra 29 Livorno

Il mare è l’acqua più pura e più impura: per i pesci essa è potabile e conserva loro la vita, per gli uomini essa è imbevibile e esiziale. (Eraclito)

 
Voglia di mare? Noi di Via Borra 29 Livorno oggi vogliamo parlarvi di barriera corallina. Se non rientrate nella categoria dei malati di tintarella e nemmeno in quella dei mega sportivi da spiaggia la soluzione che fa per voi è lo snorkeling. Quest’attività è un tipo di sport molto blando, che non prevede grande preparazione fisica né ha i rischi di un’immersione in mare aperto. Lo snorkeling è l’osservazione della barriera corallina che si effettua a pelo d’acqua, con l’aiuto di maschera e boccaglio.
Niente bombole d’ossigeno quindi, ma solo il boccaglio che permette di respirare naturalmente. L’attrezzatura è completata da pinne o scarpette di gomma, che agevolano il movimento delle gambe. Ovviamente il requisito principale è saper nuotare, anche se noi di Via Borra 29 Livorno abbiamo visto molte persone praticare snorkeling con l’aiuto di un giubbetto salvagente che permetteva loro di essere più sicure. Non serve velocità né particolare destrezza, anzi, spesso più si nuota lenti e più si riesce ad apprezzare lo spettacolo.
Ma dove si può praticare snorkeling? Tradotto: dove si posso osservare panorami marini mozzafiato? Sicuramente la località più vicina ed economica è il Mar Rosso egiziano, negli ultimi anni fortemente inflazionato. Noi di Via Borra 29 Livorno crediamo che valga la pena, almeno una volta nella vita, di visitare la magnifica barriera corallina egiziana. La giusta domanda da porsi è dove andare. La scelta delle località è infinita: da quelle già famose a quelle meno note. Sconsigliamo i luoghi affollati come Sharm el-Sheikh – per praticare lo snorkeling s’intende- e crediamo che la soluzione migliore sia un giusto compromesso tra località attrezzata e ultra nota.
La nostra scelta ricade su Marsa Alam, cittadina situata sulla costa ovest del Mar Rosso, in prossimità del Tropico del Cancro che neanche 10 anni fa era un semplice villaggio di pescatori. Nonostante lo sviluppo turistico repentino qui la natura è –ancora- incontaminata e la conservazione della barriera corallina è migliore che altrove. Una delle zone migliori che Via Borra 29 Livorno consiglia è la baia di Abou Dabbab, detta anche spiaggia del Dugongo.
via-borra-29-livorno-barriera
Ma come si forma la barriera corallina? Si tratta di un complesso ecosistema coloratissimo  in cui ogni specie vivente ha il suo preciso compito: è affascinante osservare come si compie il ciclo della natura senza l’intervento deleterio dell’uomo. Il reef – così si definisce la barriera di coralli – è il risultato dell’attività costruttrice di miliardi di organismi animali chiamati polipi corallini. Questi organismi per vivere hanno bisogno di condizioni climatiche precise, che ritrovano perfettamente nel mare egiziano, con acque limpide e calde e senza scarichi industriali. Impossibile descrivere per chi non l’ha vista con i propri occhi la vividezza dei colori che la barriera e i suoi abitanti regalano.
Qui vivono migliaia di specie marine. Ma dimenticatevi i pesci che siete abituati a vedere di solito nei nostri mari: quelli del reef sono molto più grandi e colorati e sono tutti molto diversi tra loro. Ci sono i pesci cardinali, i vari tipi di pesci farfalla e una grande varietà di pesci pappagallo dagli incredibili colori. E ancora i pesci angelo, i pesci balestra, i pesci chirurgo. Appena arrivati in Egitto troverete in vendita molti opuscoli informativi e libri illustrativi sulle varie specie ittiche osservabili: vedrete che riuscirete a vederne e riconoscerne molte durante le vostre uscite in mare.
Mascera e boccaglio alla mano, partite con via Borra 29 Livorno per una vacanza a Marsa Alam, consigliatissima anche nei mesi invernali.

Related Post