Inaugurato a Roma il Partito Liberale Europeo: le parole di Pietro Vignali

In occasione della nascita del Partito Liberale Europeo, Pietro Vignali ha preso la parola spiegando l’importanza della creazione di un movimento moderato, liberale ed europeo.

Pietro Vignali

Pietro Vignali: la nascita del nuovo Partito Liberale Europeo

L’8 maggio 2021 è stato inaugurato a Roma, presso la sala Capranichetta di Piazza Montecitorio, il nuovo Partito Liberale Europeo guidato dal Presidente Francesco Patamia: all’evento hanno partecipato diversi politici tra cui Pietro Vignali, ex Sindaco della città di Parma, il Presidente della Liguria Giovanni Toti, Vittorio Sgarbi e altre figure pubbliche (tra i quali i parlamentari Matteo Salvini, Maurizio Lupi ed Emilio Carelli). “È beneaugurante che nasca oggi un movimento moderato, liberale ed europeo – ha commentato Pietro VignaliTre ingredienti cruciali per modernizzare il nostro Paese che ha bisogno di un’area politica che sia riformista nelle idee, conservatrice nei valori, moderata (nel senso di rifuggire da semplificazioni ed estremizzazioni rispetto a problemi complessi) e soprattutto liberale”.

L’italia ha bisogno di riforme: il pensiero di Pietro Vignali

“L’Italia ha bisogno di una riforma liberale delle istituzioni che dia maggior potere di scelta agli elettori, della burocrazia in grado di mettere al centro la persona e non gli apparati”, ha aggiunto Pietro Vignali in occasione dell’inaugurazione del Partito. È stata inoltre sottolineata l’importanza di adottare il modello europeo di città aperte; di una riforma del fisco nella direzione della flat tax, della burocrazia e del welfare con al centro il quoziente familiare (realizzato a Parma dallo stesso Vignali) e la necessità in ambito giudiziario di una riforma garantista con la responsabilità civile dei magistrati. “Ve lo dice una persona che ha fatto per 13 anni l’amministratore locale – ha concluso Pietro Vignalie che ha preso coscienza di quanto sia importante che le nostre città e i nostri territori possano competere con le città europee che sono rigorose nella sicurezza, attente alla qualità della vita delle persone e semplici da vivere”.