Luglio 17, 2024

Impianti elettrici a Lecce: la sicurezza prima di tutto

Se sei intenzionato a ristrutturare casa hai bisogno di molte informazioni a riguardo, uno dei più grossi problemi in questa situazione riguarda soprattutto la parte elettrica per cui avrai necessariamente bisogno di contattare un’azienda od un professionista che si occupi di impianti elettrici a Lecce.
E’ una pratica che può essere affrontata anche da soli ma sappiamo bene che la sua progettazione è pericolosa e si può andare in contro ad difficoltà soprattutto se non si conosce bene come è fatto un impianto oltre al fatto che questo richiede impegno, avere molto tempo a disposizione e soprattutto disporre delle giuste informazioni tecniche e normative.
Un impianto elettrico è formato da:

  • una rete di cavi elettrici
  • contatore principale
  • quadro generale
  • interruttori magnetotermici
  • un interruttore differenziale detto “salvavita”
  • prese per l’attacco dei vari elettrodomestici
  • interruttori semplici o composti per comandare i punti luce
  • una buona messa a terra

Contattare un’ azienda che si occupa di impianti elettrici a Lecce è il modo migliore per realizzare un ottimo impianto in base alle proprie esigenze, poichè è molto difficile ed impegnativa la sua progettazione.
Le case hanno un contatore elettronico, fornito da un’azienda, e per contratto di solito impegna  3 kw ad abitazione, da qui partono tutti i fili che portano al centralino all’interno dell’abitazione, il più delle volte posto vicino la porta d’ingresso.
All’ interno del centralino risiedono i vari interruttori magnetotermici ed il “salvavita”, poi ci sono i circuiti che fanno capo agli interruttori magnetotermici, per cui avremo un interruttore per ogni circuito.
La funzionalità dell’interruttore è quella di proteggere il circuito, infatti esso “salterà” se si presentano:

  • dei “cortocircuiti”, ovvero quando due fili elettrici vengono a contatto
  • si ha un “ sovraccarico” dovuto all’accensione contemporanea di più elettrodomestici

Il “salvavita” interviene offrendo protezione nel caso in cui una persona venga a contatto con un conduttore in tensione, problema causato dalla possibilità di presenza di guasti.
Per questo è importante avere un impianto elettrico suddiviso in vari circuiti in modo da poter facilitare l’individuazione del guasto, in caso ci trovassimo in una situazione di questo tipo basterà abbassare tutti gli interruttori magnetotermici e successivamente alzarli uno alla volta fino a quando non troviamo quell’ interruttore che si abbasserà in automatico, trovando il circuito in cui è sorto il problema.
Una soluzione al problema può fornirla un buon impianto di “messa a terra”, il suo impiego serve ad assicurare una redistribuzione equa del potenziale a tutte le masse elettriche in modo che queste non vadano in tensione.
Le masse metalliche devono avere lo stesso potenziale del terreno, per cui devono essere collegate ad un impianto di “messa a terra”, costituito da un conduttore che fa capo  ad  uno o più dispersori infissi nel terreno.
Grazie all’impianto di “messa a terra” e al differenziale salvavita, l’impianto verrà staccato immediatamente evitando la folgorazione dell’individuo.
Un’azienda che realizza impianti elettrici a Lecce deve, in primis, tener presente le esigenze dei propri clienti, ma in particolare deve avere massima attenzione per la sicurezza degli impianti in modo da non recare seri problemi.

Related Post