Ideata e realizzata da Fondazione Vento, Sbullit Action ha appena allacciato due strategiche partnership con: Co.Re.Com Calabria e il Movimento Studentesco MaBasta

SbullitAction_partnershipSbullit Action è la prima App Laboratorio a livello nazione contro il bullismo e il cyberbullismo ideata per aiutare i ragazzi ad un uso consapevole dello smartphone e del web. Fondazione Vento nasce nel 2015 dalla volontà del suo Presidente Mario Zamboni, da poco purtroppo venuto a mancare, di realizzare nel migliore dei modi una App che sensibilizzasse i ragazzi ad un uso corretto, utile e alternativo dello smartphone: “Sbullit Action”. La sua volontà era creare un nuovo ambiente allargato e fruibile da tutti, grazie alla possibilità di scaricarla in modo veloce, che rappresentasse un laboratorio di idee costruttive e utili, un luogo “diverso”, ma allineato alle nuove esigenze di condivisione dei giovani e studiato appositamente per essere un punto di incontro dove essi, tra cui anche le vittime di bullismo e di cyberbullismo, avessero modo di integrarsi, essere parte di un team, condividere, giocare da soli e in squadra, vincere, ma anche quella di reintegrarsi e risollevarsi dalle esperienze negative vissute esprimendo ed evidenziando il loro disagio utilizzando svariate forme tra cui quelle creative e di richiesta aiuto.

Da gennaio 2021 Fondazione Vento ha instaurato due importanti partnership: con il Co.Re.Com Calabria e con MaBasta. L’obiettivo comune è attivare azioni di contrasto al bullismo e al cyberbullismo e prioritariamente attività di prevenzione, intese come un insieme di azioni integrate, formative e non, che coinvolgano non soltanto i bambini e gli adolescenti, ma anche gli insegnanti, gli educatori e, ove possibile, le famiglie.

Co.Re.Com. Calabria negli ultimi anni si è occupato del contrasto ai fenomeni del bullismo e del cyberbullismo, dell’hate speech e delle fake news, attraverso una serie di iniziative, tra le quali la predisposizione di una proposta di legge regionale in materia di “prevenzione e contrato dei fenomeni del bullismo e cyberbullismo”. Il Co. Re.Com. inoltre verifica, su delega dell’’AgCom, il rispetto delle norme in materia di tutela dei minori nel settore delle comunicazioni, tenendo conto anche dei codici di autoregolamentazione. Per il 2021, l’Ente calabrese sta organizzando la seconda edizione del Concorso “Gonfia la rete, vinci sul web”, e sta approntando una serie di iniziative per la realizzazione delle quali conta sul coinvolgimento dell’Ufficio scolastico regionale e del Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenza sull’apporto di questa Fondazione, ciò in virtù della collaborazione avviata mediante la recente sottoscrizione di una Lettera d’intenti, già operativa e in attesa di essere ratificata dal Comitato una volta nominato.

MaBasta è un movimento antibullismo animato da studenti adolescenti. L’idea di “MaBasta” è partita nel gennaio 2016 con la creazione della pagina Facebook e il sito internet (www.mabasta.org): l’obiettivo è quello di dare una mano sia alle vittime, spingendole a segnalare le loro storie, che ai bulli veri e propri partendo dal presupposto che forse sono proprio loro che ne hanno più bisogno. Il movimento MaBasta chiede il sostegno e la collaborazione di tutti i ragazzi in Italia, dalle elementari alle superiori, con l’obiettivo di diventare tantissimi così da avere una voce sempre più forte.

SbullitActionDue partnership quindi strategiche e fondamentali per la lotta al bullismo e al cyberbullismo: “Fondazione Vento” infatti, interagisce con le scuole, le università, le imprese, le associazioni e le istituzioni nazionali e territoriali per diffondere le pratiche virtuose della comunicazione in Rete, e per promuovere una consapevolezza diffusa delle responsabilità individuali. Per il raggiungimento dei propri scopi può collaborare tranquillamente con organismi che perseguono finalità simili o complementari. E dispone anche di una App strategica visto il target, che permetterà di sviluppare un tam tam fino ad ora mai utilizzato e che ben si integra con le azioni degli altri due partner.

 

Il bullismo si evolve e diventa sempre più pericoloso. Due giornate importanti sono appena state celebrate sul tema del bullismo e sull’uso positivo di Internet e hanno evidenziato numeri in continua crescita e la necessità di fare qualcosa. Si è parlato di responsabilità e di controlli scolastici perché il 61% dei ragazzi afferma di essere vittima di questo fenomeno, mentre il 68% di aver assistito a fenomeni di bullismo e di cyberbullismo.

Cosa manca: responsabilità, formazione e informazioni! Carenze non colmate fino ad oggi dalle norme, anche quelle più recenti: manca soprattutto un coordinamento nazionale nella lotta al fenomeno.

Cosa Serve: un lavoro di formazione che deve vedere coinvolte le istituzioni, le scuole, le famiglie e i giovani. Nell’ultima Legge di Bilancio sono stati stanziati soldi per la formazione dei docenti contro bullismo, cyberbullismo e violenze di genere.

Per combattere bullismo e cyberbullismo serve, secondo l’esperto Luca Bernardi e riportata come intervista su il fattoquotidiano.it (https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/02/07/giornata-contro-il-bullismo-perche-i-numeri-sono-in-crescita-e-cosa-si-puo-fare-gli-esperti-servono-responsabilita-e-controlli-scolastici/6092526/) una App a livello nazionale che possa servire ai ragazzi in caso di emergenza, per avere notizie e confrontarsi.

UNA APP? Ma una App conforme a queste necessità c’è già ed è Sbullit Action!

 

Canali Social di Sbullit Action:

https://www.youtube.com/channel/UCQc8AY8hK2768qOQ3w6hKeA

https://www.facebook.com/SbullitAction

https://www.instagram.com/sbullitactionnetwork/

https://www.linkedin.com/in/fondazione-vento-impresa-sociale-7b5016207

 

Per ulteriori informazioni:
Digital PR a cura di Blu Wom Milano
www.bluwom-milano.com
p.fabretti@bluwom-milano.com