Dieta, infiammazione e sistema immunitario.

Dieta, infiammazione e sistema immunitario.

Sapevi che potrebbe esserci un legame tra infiammazione e aumento del rischio di malattie croniche?
La più recente letteratura scientifica ha fornito chiare indicazioni che le malattie cardiache, il diabete di tipo 2 e l’obesità, sono correlati all’infiammazione cronica e che quest’ultima è in relazione causale con le alterazioni metaboliche.
Infiammazione cronica di basso grado. Sebbene l’infiammazione sia una delle prime risposte dell’organismo alle infezioni, le risposte immunitarie iperattive possono causare malattie infiammatorie croniche. L’infiammazione cronica influisce negativamente su tutte le funzioni fisiologiche, causando una serie di condizioni degenerative tra cui diabete, cancro, malattie cardiovascolari, osteo-articolari e neurodegenerative, disordini di autoimmunità e invecchiamento.
Immunità e Infiammazione. Il sistema immunitario umano fornisce due tipi di immunità che interagiscono per difendere il corpo da lesioni e infezioni:
Immunità innata: prima linea di difesa verso alterazioni della normale omeostasi di organi e tessuti causate da lesioni di varia natura, con funzioni di istruzione ed attivazione della risposta adattativa
Immunità adattiva: seconda linea di difesa capace di riconoscere in modo specifico le cause (antigeni) del danno, di rimuoverle e di portare memoria di questa interazione.
In termini generali, l’infiammazione è la risposta del sistema immunitario del corpo a uno stimolo. Ciò può essere in risposta a lesioni comuni: l’area interessata diventa rossa, calda e gonfia – aumento del flusso sanguigno, dilatazione dei capillari, infiltrazione dei leucociti e produzione di mediatori chimici. In breve, una risposta infiammatoria significa che il sistema immunitario sta “combattendo contro qualcosa che potrebbe rivelarsi dannoso.
La progressione dell’infiammazione alla malattia è un processo complesso che coinvolge molte diverse vie biologiche. Processi infiammatori ripetuti o incontrollati scatenano una serie di risposte difensive, tra cui la proliferazione dei leucociti, l’angiogenesi, le reazioni ossidative e la fibrosi tissutale, che alla fine disturbano la normale funzione delle cellule e gettano le basi per lo sviluppo della malattia.
E’ opinione della comunità scientifica, che la maggior parte delle malattie croniche sia radicata nell’infiammazione di basso grado che persiste nel tempo. Questa infiammazione può passare inosservata all’ospite (tu!) Fino a quando non si manifestano patologie evidenti, che includono, ma non sono limitate a, diabete, malattie cardiovascolari, epatopatia adiposa non alcolica, obesità, disturbi autoimmuni, malattia infiammatoria intestinale e persino depressione clinica.
Come sono correlate dieta, sistema immunitario e infiammazione cronica?
Il consumo di diete ricche di grassi saturi, squilibrate nell’apporto calorico (western-diet) in combinazione con stile di vita sedentario evoca uno stato di infiammazione metabolica cronica, chiamata metaflammazione. La metaflammazione contribuisce allo sviluppo di molte malattie non trasmissibili (NCD) molte della quali abbiamo già menzionato. Queste patologie rappresentano un problema di salute pubblica in aumento con dimensioni epidemiche globali.
Cosa costituisce una dieta antinfiammatoria?
Un’infiammazione prolungata di basso grado è associata a eccessivo stress ossidativo e alterato metabolismo del glucosio e dei lipidi nelle nostre cellule adipose (adipose), nei muscoli e nel fegato. La ricerca suggerisce che alcuni componenti dietetici possono modulare queste principali vie infiammatorie e patologie cliniche.
Inoltre, vi è una crescente conoscenza del ruolo che i fattori di trascrizione genica svolgono nel processo infiammatorio. L’obesità, la sindrome metabolica e il diabete rappresentano condizioni multifattoriali derivanti da equilibri impropri di ormoni ed espressione genica. In aggiunta, queste condizioni hanno una forte componente infiammatoria che può essere potenzialmente influenzata dalla dieta.
Studi clinici osservazionali longitudinali su larga scala tra cui lo studio osservazionale sull’iniziativa per la salute delle donne e lo studio multietnico di arterosclerosi (MESA), suggeriscono che una dieta a basso contenuto di carboidrati raffinati, ricca di fibre solubili, ridotta nel contenuto di acidi grassi saturi, un rapporto omega-3-omega-6 più di 1 a 4 e un alto contenuto di antiossidanti, hanno tutti effetti anti-infiammatori sul corpo.
Un modello di dieta mediterranea che incorpora olio d’oliva, pesce, modesto consumo di carne magra e abbondante frutta e verdura, legumi e cereali integrali, mostra più effetti antinfiammatori rispetto a un tipico modello alimentare americano. Altri studi osservazionali e interventistici hanno anche suggerito che modelli dietetici che incorporano tè verde e nero, noci, semi di lino macinati e aglio sono anche associati a una ridotta infiammazione.
Nutrizione e infiammazione
I nutrienti svolgono un ruolo chiave sia nella promozione che nella lotta ai processi infiammatori. Le prove che collegano i nutrienti ai processi infiammatori provengono da studi di laboratorio, clinici ed epidemiologici.

Nutrienti pro-infiammatori
• Eccessivo apporto calorico
• Eccesso di carboidrati nella dieta
• Acidi grassi trans
• Acidi grassi saturi
• Acidi grassi polinsaturi
Nutrienti antinfiammatori
• Acidi grassi polinsaturi omega-3
• Acido ascorbico
• Vitamina E
• Polifenoli
• Prebiotici e probiotici
A questo link scarica l’infografica completa contenente la lista di cibi antinfiammatori:
https://bit.ly/2zdwxyq
Conclusioni
I dati sperimentali dei laboratori di ricerca e gli studi clinici, Indicano che una dieta appropriata ha effetti terapici e preventivi sull’insorgenza di numerose patologie a base infiammatoria. In questo senso, l’alimentazione costituisce uno strumento fondamentale nella prevenzione delle principali malattie del nostro tempo. La sua combinazione con le più moderne terapie farmacologiche presenta effetti sinergici che sono essenziali per la piena guarigione.
Ulteriori approfondimenti potete trovarli sul mio Blog, dove vi do appuntamento per consigli e informazioni nutrizionali.
______
Dott.ssa Alessandra Romagnoli – AR NUTRISANO ROMA
www.arnutrisano.it
Email: romagnoli.nutrizionista@gmail.com
Skype: alessandra_10010 (disponibile a consulto gratuito on line)

Dott. Giovanni Salvatori
Email: salvatorig@gmail.com
Skype: Giovanni Salvatori (disponibile a consulto gratuito on line)