Luglio 24, 2024

Come sono rimasto senza lavoro a causa delle vene varicose?


Salve a tutti, mi chiamo Giuseppe. Tutti dicono che le vene varicose siano una malattia femminile, ma non sarei d’accordo. 3 anni fa sono venute anche a me. Lavoro per un rivenditore e passo la maggior parte del tempo in piedi e le mie vene sono costantemente sotto pressione.
Non ho battuto ciglio e loro erano già lì. Brutti piccoli nodi in ogni parte. Le gambe sembravano orribili, ma non era l’unico problema. Il problema è iniziato quando hanno cominciato a farmi del male quando non riuscivo più a stare in piedi. Pensavo che sarei rimasto senza un’occupazione in quanto nessuno avrebbe voluto un lavoratore che sta a malapena in piedi. Avevo bisogno di una soluzione e ne avevo bisogno in fretta.

Ecco che ho fatto una ricerca sulle vene varicose

Ho provato di tutto. Stavo cercando aiuto da persone che avevano già affrontato tale problema. Ho pensato che fosse tutto inutile in quanto la maggior parte di loro mi aveva detto che aveva ancora le vene varicose e non riusciva a sbarazzarsene.
Non sapevo cosa fare. Pensavo di poter trovare una soluzione presso erboristi. Pensavo che avessero una soluzione per tutto. Ma le creme e le tisane che mi hanno dato non mi hanno aiutato. Mi hanno solo fatto perdere del tempo prezioso. E il tempo ne era sempre meno, poiché le mie condizioni peggioravano.
Ho aspettato molto tempo e alla fine ho deciso di consultare un medico. Se qualcuno sapeva come avrei potuto dire addio alle vene varicose, doveva essere lui. Dopo molti test e vari esami, il medico mi ha detto che l’unica soluzione era la chirurgia venosa.
Mi ha detto come sarebbe stata l’operazione e cosa si sarebbe ottenuto. Tuttavia mi chiedevo quanto sarebbe durata la guarigione, in quanto non potevo stare lontano dal lavoro a lungo. Quello che ho sentito non mi ha supportato. Il recupero richiede abbastanza riposo e indossare una benda elastica per almeno un mese. Questo è quello che avevo detto al datore di lavoro nella speranza che mi venisse incontro. Con mia grande sorpresa aveva detto che non ci sarebbero stati problemi.

Operazione delle vene e il recupero dell’incubo

L’operazione mi è stata programmata 48 ore dopo la visita. Ero molto nervoso nell’aspettare che arrivasse quel momento. Ma non avevo motivo di esserlo, l’operazione è andata bene. E mi hanno fatto uscire già il giorno dopo per proseguire la terapia a casa già domani. Il capo mi aveva anche inviato un messaggio per chiedermi come stavo. Era stato un bel gesto.
Dieci giorni dopo l’intervento sono andato a togliermi i punti. Al ritorno a casa non sapevo cosa mi stesse aspettando. Quando sono entrato nel cortile ho visto un’auto ben nota: l’auto del capo. Pensavo che fosse venuto a trovarmi per vedere se stavo bene. Posso dire che sembrava fosse così perché aveva portato un paio di regali.
Tuttavia, questi doni erano una burla e tutto era una bugia. Era venuto a comunicarmi il mio licenziamento. Mi disse che la mia guarigione era troppo lunga e che non poteva più aspettarmi. Il recupero è diventato un inferno. L’unica cosa buona che mi è successa, è stata quella di liberarmi delle vene varicose.

Related Post