Combattere il prurito anale

Perdite, eritema e dolore sono alcuni dei sintomi che possono verificarsi assieme al prurito anale: le cause possono essere diverse (citiamo candidosi, dermatiti anali, emorroidi, ragadi e fistole), ma in tutti i casi si tratta di disturbi fastidiosi che devono essere curati con rimedi naturali oppure farmaci.

Spesso anche la componente psicologica può incidere in questa condizione particolare, ma a volte si tratta anche di problemi collegati al tumore all’ano o al colon retto oppure alla tiroide. Una scarsa igiene è una delle cause più frequenti di prurito anale: subite un prurito anale notturno? durante il giorno? oppure in momenti particolari come durante l’attività fisica?

Per ogni tipo di prurito sono possibili cause differenti e quindi è importante capire quali sono i rimedi naturali più adatti valutando caso per caso. Le creme a base di camomilla così come quelle che placano la sensazione di prurito e che possono essere acquistate in farmacia possono dare un sollievo immediato placano lenendo la zona irritata.

Anche modificare alcune abitudini storiche può aiutare a combattere questo disturbo: strofinare il meno possibile la parte delicata dopo aver evacuato, scegliere una carta igienica morbida e non ruvida, lavarsi con attenzione e utilizzare acqua fresca (che darà un sollievo immediato) sono solo alcune delle abitudini da considerare.