Luglio 12, 2024

Cinque cose gratis da fare a Firenze

Consigli per viaggiatori attenti al budget

Se avete programmato una visita a Firenze ma avete un budget ridotto per via delle feste di natale e epifania che ci siamo lasciati alle spalle, non temete: la città più cara della Toscana (e forse una delle più care d’Italia) presenta anche delle realtà da godersi anche se si hanno le tasche vuote. Ecco infatti cinque cose gratis da fare a Firenze, cominciamo pure il nostro viaggio.

Prima domenica del mese

La regina delle occasioni gratis è senza dubbio la prima domenica del mese: sfruttarla significa unire cultura a low budget, dato che tutti i musei statali saranno aperti gratuitamente. Bisognerà tuttavia armarsi di un po’ di pazienza, considerando che non è possibile prenotare per saltare la fila, cosa che invece è possibile e consigliata per tutti gli altri giorni del mese.
Tuttavia, se siete intenzionati a sfruttare della prima domenica del mese, ricordatevi di puntare la sveglia presto la mattina, batterete così sul tempo i tantissimi altri visitatori che avranno avuto le vostre stesse intenzioni.  Non avete che da scegliere tra tutte le offerte museali statali che la città della cultura vi può offrire: la Galleria degli Uffizi, la Galleria dell’Accademia, i musei di Palazzo Pitti e tanti altri.

Palazzo strozzi il giovedì sera

Un altro graditissimo appuntamento per chi non ha intenzione di spendere è il Giovedì sera di Palazzo Strozzi. Il Giovedì sera dalle 18:00 in poi le mostre presenti alla Strozzina sono ad ingresso gratuito: consigliamo caldamente di non perdere questo appuntamento, le mostre della Strozzina sono sempre molto interessanti, spesso trattano tematiche attuali che ci riguardano da vicino, come l’immigrazione. Oppure ci troverete validissime mostre fotografiche, spesso arricchite da supporti audiovisivi.
Avendo risparmiato sul biglietto di ingresso potrebbe essere una buona idea approfittare dell’aperitivo del bar di Palazzo Strozzi, l’ambiente è molto elegante e gustarsi un bicchiere di vino nel bellissimo cortile interno di palazzo Strozzi significa calarsi nell’animo di questa città meravigliosa. Non dimenticate poi che il cortile di palazzo Strozzi è spesso cornice di concerti dal vivo, gli artisti e le musiche sono spesso ricercate e si rivelano utili spunti da ricercare e approfondire.

Un giro al mercato centrale

Si avvicina l’ora di pranzo e ancora non avete un’idea di dove rivolgervi? Vi consigliamo di raggiungere il mercato centrale, nei pressi di Piazza San Lorenzo. Se non ci siete mai stati già la struttura in ferro, tipica dei mercati coperti, vi colpirà per la sua bellezza. Al piano terra troverete i banchi dei generi alimentari, prodotti di prima qualità dei territori circostanti. Il piano superiore è invece quello che vi interessa per la vostra pausa pranzo: avrete qui molta scelta, lo spazio grande e con libero accesso vi dà la libertà di guardare i banchi ed eventualmente uscire nel caso non ci sia nulla che vi convinca.

Cimitero degli inglesi

Se siete viaggiatori che non amano la folla e i classici percorsi dettati dalle guide turistiche, ecco un suggerimento per voi: il Cimitero degli Inglesi. È situato al centro di Piazzale Donatello, per raggiungerlo dovete passeggiare verso i Viali, le grandi vie di scorrimento urbano della città di Firenze. Lo trovate aperto dal Lunedì al Venerdì, dalle 14 alle 17 d’inverno, mentre d’estate l’orario è dalle 9 alle 12 (il lunedì) e dalle 15 alle 18 dal martedì al venerdì. È un luogo che vi trasmetterà meditazione e senso di pace e di rispetto. Da non dimenticare poi che si tratta di un cimitero monumentale, le statue che ci troverete sono di una struggente e nostalgica bellezza.

Passeggiare a Firenze

L’ultimo (che in realtà è il primo) consiglio che verrebbe da dare a chi chiede di visitare Firenze senza spendere troppo è quello di godersi di una bella giornata di sole e passeggiare tra le vie del centro, ammirare l’eterna bellezza di Piazza della Signoria, mischiarsi allo spensierato chiacchiericcio dei turisti, entrare sotto la Loggia dei Lanzi e guardare da vicino i meravigliosi dettagli delle statue presenti: il bronzo di Perseo e la Medusa, la dinamica drammaticità del Ratto delle Sabine, Ercole e il Centauro,  Patroclo e Menelao e la statua di Polissena.

 
La Loggia dei Lanzi, così come Ponte Vecchio, sono il simbolo dell’arte gratuita, fruibile a tutti e per tutti, così come la pensò chi per noi l’ha creata.

Related Post