Cardiologia Siracusa – valvulopatia – cardiologia ischemica – ipertensione arteriosa – Clinica Villa Rizzo

Cardiologia Siracusa – Presso la Clinica Villa Rizzo, specialisti di provata esperienza eseguono consulenze su tutte le branche della Cardiologia quali :
cardiologia ischemica, insufficienza cardiaca, valvulopatia, cardiopatia delle donne, ipertensione arteriosa, valutazione pre-operatoria.
Cardiologia Siracusa –  valvulopatia
La valvulopatia congenita è dovuta ad alterazioni nello sviluppo embrionale e spesso è associata ad altre anomalie.
La valvulopatia acquisita, invece, può essere dovuta a:    degenerazione delle strutture valvolari (legata all’età)
infezioni (endocarditi)
febbre reumatica
ischemie o patologie del muscolo cardiaco con dilatazione del cuore o compromissione della sua funzione contrattile.
Un tempo la malattia reumatica era la causa più frequente di alterazioni valvolari acquisite, oggi invece sono principalmente dovute a malattie degenerative.
Cardiologia Siracusa – valvulopatia  quali sono i sintomi più comuni –
i disturbi più frequenti causati da un malfunzionamento valvolare sono:
facile affaticabilità  (tendenza a un rapido esaurimento delle energie)
fatica a respirare, inizialmente durante l’attività fisica, poi anche a riposo
mancanza di respiro durante la notte
debolezza , svenimenti,  aritmie
Nella maggior parte dei casi però la valvulopatia resta completamente asintomatica anche per anni.
Il sospetto della presenza di un difetto valvolare viene in genere posto nel corso di una normale visita medica per la presenza all’auscultazione cardiaca di un “soffio”.
Anche se non sempre il soffio è indice di patologia: i cosiddetti soffi innocenti sono suoni fisiologici, comuni nei bambini e in alcuni adulti, e non hanno significato clinico.
I soffi patologici, invece, sono dovuti al passaggio del sangue attraverso valvole che non aprono o non chiudono bene. La presenza di valvulopatia viene poi confermata con ecocardiografia.
Le complicazioni – Tranne nei rari casi acuti (trauma, rottura valvolare, infezione con perforazione delle valvole o infarto), l’evoluzione delle valvulopatie è lenta.
È importante controllarne regolarmente l’andamento perché può accadere che peggiori improvvisamente, con conseguenze che dipendono dal tipo di difetto (stenosi o insufficienza) e dalla sua gravità.
La complicanza finale di tutte le valvulopatie non trattate è, comunque, lo scompenso cardiaco.
Cardiologia Siracusa – presso la Clinica Villa Rizzo si può eseguire un ecocardiogramma.
Eseguire regolarmente un ecocardiogramma per valutare la funzione dei ventricoli permette di intervenire prima che siano eccessivamente dilatati: questo limita il rischio dell’intervento chirurgico e facilita il recupero post-operatorio.
Le cure – Il trattamento delle valvulopatie è di solito chirurgico.
Le attuali tecniche spesso permettono di riparare la valvola senza doverla sostituire.
Quando ciò non è possibile si esegue la sostituzione con valvole meccaniche oppure con valvole biologiche.
In caso di valvulopatia acuta i farmaci sono somministrati allo scopo di stabilizzare la malattia per arrivare all’intervento chirurgico nelle migliori condizioni.
Nei difetti a lenta evoluzione i farmaci possono essere usati per rallentare la progressione della malattia valvolare e/o controllare i sintomi.
Talora viene prescritta una terapia anticoagulante che previene eventi tromboembolici.
È opportuno rivolgersi a un medico ogni volta che compare:
difficoltà respiratoria, specie dopo attività fisica o quando si è distesi a letto
senso di oppressione al torace, soprattutto quando fa freddo
stanchezza inusuale nello svolgimento delle normali attività
palpitazioni, gonfiore a caviglie, piedi o addome
Inoltre, chi sa di avere un difetto valvolare deve avvertire il curante in caso di procedure chirurgiche, dentarie, ginecologiche eccetera, in modo da attuare una adeguata profilassi antibiotica per scongiurare il pericolo di endocardite batterica.
Cardiologia Siracusa –  Clinica Villa Rizzo www.villarizzo.it