Assicurazione bicicletta, avvicinarsi

Dalla Commissione europea arrivano notizie riguardanti la bici elettrica ed è che questa entità ha deciso di costringere i proprietari di una bicicletta elettrica a stipulare un’assicurazione sulla responsabilità civile. I regolamenti, in linea di principio come una bozza, devono superare le procedure di approvazione del Consiglio e del Parlamento europeo.
Questa decisione della Commissione europea richiederà che gli utenti di una bicicletta elettrica abbiano un’assicurazione e si verifichi dopo la revisione della direttiva relativa alle assicurazioni dei veicoli a motore. Tutto lo sviluppo tecnologico, in particolare quello relativo alla guida autonoma, ha costretto le autorità europee ad aggiornare il testo di tutti i regolamenti.
Per definizione, una bicicletta è tutto quel veicolo azionato unicamente dalla forza muscolare umana. Attualmente, l’Unione europea aveva pareggiato legislativamente la Pedelec (bicicletta a pedalata assistita o sistema PAS) biciclette a vita e liberandoli dalle assicurazioni e consentendo il suo utilizzo in corsie riservate. Questa categoria di bici elettrica -Pedelec25- è limitata da un motore da 250 W, richiede la pedalata per ricevere assistenza e la rimuove da 25 km / h.
Sebbene il testo non sia ancora entrato nei dettagli, se questo nuovo regolamento sarà finalmente portato a termine, potrebbe avere conseguenze importanti per questo settore. Questa nuova proposta li colloca come veicoli a motore. Dalla Commissione europea si afferma che le biciclette assistite da un motore elettrico dovrebbero avere un’assicurazione completa come qualsiasi tipo di veicolo a motore. Poiché il contributo del motore elettrico non è legato alla forza muscolare umana, il rischio di incidenti con conducenti più deboli può aumentare, in quanto sono veicoli più veloci.
D’altra parte, questo rischio potrebbe essere limitato se la nuova classificazione pone le biciclette elettriche come una nuova e propria categoria. Ci sono organizzazioni come ExtraEnergy che chiedono questa legislazione da molti anni. Propongono una nuova categoria di veicoli in cui sono incluse le biciclette che si muovono esclusivamente da un motore elettrico. In questo caso, la potenza massima sarebbe limitata a 150 watt, la necessità di pedalare verrebbe eliminata e il limite di velocità sarebbe aumentato a 32 km / h.
Secondo il direttore della Federazione europea dei ciclisti, la soluzione adottata dalla Commissione europea in grado di eliminare l’effervescenza di uno dei mercati di maggior successo nel trasporto elettrico, così come criminalizzare la bicicletta elettrica. Se questa proposta diventerà legge, la responsabilità di assicurazione eliminerebbe il bisogno di acquistare una bici elettrica a milioni di cittadini europei e seppellire i sforzi e gli investimenti di diversi Stati membri e l’Unione europea a promuovere la mobilità sostenibile è necessaria.
Poiché la legislazione è ancora una bozza e deve passare le procedure del Consiglio e del Parlamento, c’è ancora la possibilità che possa essere modificata o addirittura annullata. D’altra parte, se supera le procedure e viene approvato, ogni stato membro è libero di decidere se esonerare i suoi cittadini dalla conformità. Questa esenzione richiederebbe che i fondi di garanzia nazionali rimborsino le potenziali vittime di incidenti che coinvolgono biciclette elettriche.
Cosa ne pensi di questo nuovo regolamento? Sei favorevole perché implica una maggiore sicurezza stradale o contro, dal momento che il veicolo elettrico può essere sostanzialmente ridotto? Per ora dobbiamo aspettare per vedere come finisce questo regolamento e se nel nostro paese è finalmente accettato o meno. Nel frattempo, puoi avere la tua bici nel negozio di biciclette online Helliot Bikes.
Ci siamo salutati oggi, ma ti citeremo domani con un nuovo articolo sul tuo sport preferito. Ci vediamo domani!