Applicare correttamente il silicone ai sanitari: i consigli di Lovebrico

Col tempo le fuoriuscite d’acqua possono danneggiare i sanitari del bagno: ecco i preziosi suggerimenti di Lovebrico su come applicare correttamente il silicone ai sanitari senza andare incontro ad errori indesiderati

Milano, giugno 2021. Pur essendo utilizzato soprattutto in ambito edile, il silicone è un prodotto di uso comune anche nell’ambiente domestico. L’applicazione di questo prodotto – per definizione “polimero inorganico” – è infatti abbastanza semplice e operabile da chiunque, soprattutto da chi si diletta nel fai da te.

Nelle nostre case, infatti, il silicone è usato in particolare per le sue proprietà sigillanti in ambienti a contatto con l’acqua, soprattutto in cucina e in bagno: oggi Lovebrico, leader nella vendita online di prodotti per il fai da te, l’edilizia e il giardinaggio, vuole illustrare il giusto modo di applicare il silicone sigillante ai sanitari.

Con pochi passaggi, infatti, è possibile arginare qualsiasi perdita d’acqua da water, bidet, vasca o doccia e assicurarsi che i propri sanitari si mantengano funzionanti più a lungo.

Per applicare il silicone in bagno ti serviranno solo tre strumenti: del silicone bianco o trasparente (a seconda delle esigenze), della carta gommata e una pistola per silicone.

Per garantire un’efficace applicazione del sigillante, qualunque sia la superficie su cui lo dovrai utilizzare, questa va sempre pulita in modo da rimuovere lo sporco o gli eventuali residui di un lavoro precedente e per rendere il risultato anche gradevole alla vista una volta conclusa l’applicazione. Per farlo, potrai servirti di una paletta per scrostare l’area e di un panno inumidito con dell’alcol.

Dopo aver individuato, dunque, la zona da riempire con il silicone, si procede a sistemare la carta gommata su entrambi i lati dell’area da sigillare, assicurandosi di lasciare comunque uno spazio di circa 5 mm.

Sarà grazie all’apposita pistola – di cui spesso i siliconi sono già muniti – che si procederà a distribuire nello spazio selezionato il silicone sulla superficie da sigillare, facendo attenzione a non strabordare e a non esagerare con la quantità del prodotto.

La carta gommata andrà però tolta solo diversi minuti dopo, quando si sarà certi che il silicone si sarà asciugato. Per facilitare l’asciugatura del sigillante, inoltre, sarà bene arieggiare il bagno aprendo la finestra, un gesto utile a rimuovere dall’ambiente anche l’odore del prodotto.

E per la doccia? Il procedimento per l’applicazione del sigillante ai sanitari è il medesimo, ma sarà meglio optare per un silicone antimuffa, perfetto per l’ambiente umido del box doccia.