Alla scoperta del Salento

Il Salento è una terra incantata ed è la scelta migliore per un’estate che si prospetta afosa e pesante per tutto il territorio italiano. Non è un caso infatti che sia la scelta per tutti coloro che per buona parte dell’anno vivono in città e durante l’estate vogliono evadere dal caldo insopportabile.
Di fatto la punta di diamante del Salento è il mare, le sue spiagge libere che danno un’aria quasi caraibica portano turisti ogni anno. E proprio per questo la possibilità di soggiornare che la Regione dà è molto ampia, per comprendere quanto ampia sia, basta dare un occhio agli specialisti del settore che offrono soluzioni come quelle a Torre Lapillo sugli affitti.
È una terra per tutti, se si ama la guida infatti si possono scoprire ogni giorno spiagge diverse e magari alternare il mare alle città. Viceversa si può anche scegliere di vivere le proprie giornate in una villa o in un appartamento in affitto a pochi passi dal mare. Quindi basta solo mettere d’accordo i componenti che prenderanno parte alla vacanza e partire.
È anche vero che molte unità abitative, dallo l’opportunità di condividere il giardino o addirittura la piscina, con un’altra unità. In sostanza quindi si può scegliere di partire insieme ma allo stesso tempo nel caso si voglia, di prendere anche strade diverse durante il periodo della vacanza.
A differenza di quello che si può immaginare tanti sono i luoghi di interesse sia naturali che storico artistici presenti sul territorio. Molti ad esempio sono i parchi naturali come quello delle “Dune costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo”. Si tratta di un parco presente sulla costa adriatica, con un habitat e ambienti costieri di grande interesse naturalistico e paesaggistico. Luogo questo che è rientrato nel progetto “Habitat prioritari” istituito dalla Direttiva n. 92/43/CEE.
Ma tanti anche sono i luoghi di interesse artistico e/o archeologico, come la Basilica Cattedrale di Gallipoli, la sola facciata della cattedrale di Otranto merita di per sé una vita, da non dimenticare il bastione del castello di Copertino e i centri storici come quello di Ostuni. Continuando và citato il Duomo di Brindisi, la Cattedrale di San Cataldo a Taranto, lo straordinario interno della Basilica di Santa Caterina d’Alessandria a Galatina, la Basilica di Santa Croce e Palazzo dei Celestini a Lecce, ecc.
Ma non solo per chi ama scoprire una terra sin dalle sue origini, non può assolutamente saltare quelle che sono le tradizioni locali, da quelle gastronomiche a quella vinicola. Forte è anche la tradizione della Ceramica messapica presso il centro di documentazione messapica di Oria. Un consiglio che può essere di aiuto a tutti coloro che amano la storia è una tappa presso il Museo nazionale archeologico di Taranto.
Per gli amanti dei centri storici delle città, la scelta non può che cadere su città come Gallipoli, Ostuni, Martina Franca, Ceglie Messapica, Lecce, Galatina, Taranto, Manduria, la famosa Francavilla Fontana, Otranto, Avetrana, Maglie, Grottaglie e Carovigno. Insomma con una buona ricerca si scoprirà che si può unire insieme tutto questo.